Home   »   Riciclo e riuso   »   La raccolta differenziata del polistirolo  
 
Raccolta differenziata del polistirolo

La raccolta differenziata del polistirolo

Le indicazioni per effettuare la raccolta differenziata del polistirolo in modo conforme alle regole della città in cui ci si trova e in base alla tipologia di polistirolo.

Negli ultimi anni, grazie alle politiche ambientali che hanno fatto emergere il problema dello smaltimento dei rifiuti, ormai su tutto il territorio italiano si effettua la raccolta differenziata che permette di riciclare gran parte dei materiali raccolti e di inquinare meno, poiché il materiale riciclato non viene buttato, ma riutilizzato. Le norme che regolamentano la raccolta differenziata, però, cambiano da Comune a Comune e, a volte, anche all'interno della stessa città le regole cambiano in base alle politiche di circoscrizione o a particolari bisogni di alcuni quartieri.

Solitamente, prima di cominciare con la raccolta differenziata il territorio viene informato dell'iniziativa e vengono distribuite delle brochure con indicazioni su cosa e quando smaltire. In molti Comuni, soprattutto quelli medi e piccoli, avviene la raccolta porta a porta, con l’istituzione di uno specifico calendario da seguire per far trovare ai netturbini la busta giusta di materiale da riciclare. Dove non avviene la raccolta porta a porta vengono posizionati dei cassonetti con differenti diciture per permettere ai cittadini di riconoscere facilmente il bidone giusto e buttarvi il sacchetto con il materiale.

Esistono poi delle particolati tabelle, che possono cambiare da Comune a Comune, in cui viene indicato in quale dei contenitori gettare un materiale che non è così intuitivo catalogare. Questo accade soprattutto per materiali come il polistirolo che, per la particolare composizione, è più difficile da collocare. In generale, il polistirolo viene raccolto insieme alla plastica, quindi i cittadini dovranno inserirlo nella busta della plastica della raccolta porta a porta o buttarlo nei cassonetti situati ai bordi dei marciapiedi con la dicitura “plastica”. Da Comune a Comune anche i colori dei cassonetti possono variare, ma su ogni bidone è comunque scritta la tipologia di materiale che si può gettare in quel contenitore.

Bisogna tenere in considerazione, però, che in alcuni Comuni viene fatta un ulteriore distinzione in base alla finalità d'uso del polistirolo: nel caso del polistirolo per imballaggio, questo deve essere gettato nel sacchetto della raccolta indifferenziata perché composto da altri materiali oltre che da plastica, mentre il polistirolo per alimenti può essere buttato nella plastica dopo essere stato accuratamente pulito da ogni residuo alimentare.

In caso di dubbi è importante controllare che sul contenitore del polistirolo vi sia un simbolo con la scritta PS o 6: ciò vorrà dire che potrete buttare tranquillamente il polistirolo insieme all'altra plastica.